Home > Second Life > La politica sbarca su Second Life

La politica sbarca su Second Life

Qualche giorno fa ho conosciuto Adrienne Brody, il delizioso avatar di una ragazza parigina. Capelli neri corti, occhi azzurri, piena di tatuaggi; a Second Life vive in una comunità francese e si occupa di politica. Lavora – mi ha spiegato – per Ségolène Royale, la prima donna candidata all’Eliseo.
Da qualche tempo, Adrienne ha parecchio da fare: la Royale, infatti, ha appena aperto il suo comitato elettorale su Second Life, chiamato Comitè 748. Un ampio spazio dall’architettura futuristica, dove supporter reali e virtuali si possono incontrare e discutere: si parla a ruota libera, non solo dei temi caldi delle prossime presidenziali francesi, ma anche più in generale di politica, cultura, attualità. C’è anche un auditorium per ospitare meeting e conferenze, vari schermi interattivi da cui ricavare informazioni sul programma della candidata franco-senegalese, e ovviamente, numerosi manifesti elettorali appesi alle pareti semitrasparenti dell’edificio. Cliccando in un angolo su un pulsante rosso si apre una finestra e compare lei, Ségolène, che recita un messaggio di benvenuto e augura a tutti i partecipanti di dar vita ad un dibattito costruttivo e rispettoso delle reciproche opinioni. “Non come i supporter di Le Pen”, mi spiega Adrienne. Già, perché a pochi istanti di teletrasporto dal quartier generale di Ségolène, anche l’estrema destra francese ha la sua rappresentanza virtuale, e lì i toni delle discussioni sono sempre piuttosto caldi. Una cosa, comunque, è certa: dopo i primi esperimenti americani, anche in Europa la politica si sta accorgendo di Second Life.

Be Sociable, Share!
Categorie:Second Life Tag:
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...