Home > Second Life > A cosa serve un bimestrale su Second Life?

A cosa serve un bimestrale su Second Life?

Anche l’Italia ha la sua rivista dedicata a Second Life: si chiama 2L ItaliaWorld ed è uscito da poco il primo numero (si può scaricare da www.2litaliaworld.it). Grafica elementare, ma argomenti interessanti e non scritti male, segno che gli avatar che la realizzano conoscono bene l’italiano. La sola vera perplessità, che però potrebbe rendere la rivista poco più che uno sforzo accademico, è la periodicità: un bimestrale su Second Life rischia infatti di essere vecchio appena viene pubblicato.   

 

Be Sociable, Share!
Categorie:Second Life Tag:
  1. 3 luglio 2007 a 18:34 | #1

    Il nostro magazine non è un bimestrale, benché porti l’indicazione con il doppio mese. Infatti, essendo pubblicazione telematica, non ha una periodicità definita. Comunque l’intenzione è farne un mensile, possibilmente anche su carta.

    Frattanto è “uscito” oggi il secondo numero di “2L ITALIA World”, il primo magazine italiano in Second Life (SL). La rivista di 46 pagine e che al suo esordio ha registrato oltre 35 mila download è in distribuzione gratuita in 63 luoghi del mondo della Linden Labs. Lo “stampato” è scaricabile come pdf anche via web (http://www.2litaliaworld.it).

    Sulla copertina di luglio Derrick De Kerckhove, l’erede di Marshall McLuhan e maestro della psicotecnologia, “scoperto” in Second Life con le sembianze di un orsetto lavatore privo di abiti. Il celebre teorico dell’intelligenza connettiva racconta, all’interno del giornale, come il metamondo possa rappresentare l’educazione ad una nuova forma di coscienza, una sorta di gioco educativo-connettivo di bambole avatar.

    Sempre nel numero “in edicola” l’esplosione urbanistica della ricostruzione virtuale dell’Italia dei Comuni e l’annuncio del primo esperimento di democrazia con un sindaco eletto dagli avatars. Ed ancora: mobilitazioni antimafia in Second Life attorno alla “figura” di Falcone, ecocase virtuali in affitto, nuovi esperimenti formativi per adulti e adolescenti, iniziative per pacifismo, diritti umani e creatività “libera”, il nascente giornalismo di SL nonché il poeta Edoardo Sanguineti materializzatosi come ologramma parlante in un’isola a 3D. Per concludere, la presentazione di una singolare attività lavorativa: esser pagati per farsi seppellire.

    Tra i contributi anche un pezzo di David Orban ed uno di Igor Patruno.

  1. Nessun trackback ancora...