Home > Io > Petrarca, Canzoniere XXIII

Petrarca, Canzoniere XXIII

… et ciò sepp’io da poi,
lunga stagion di tenebre vestito:
ch’a quei preghi il mio lume era sparito.

(Ognuno saluta la primavera a suo modo).

Be Sociable, Share!
Categorie:Io Tag:
  1. adriana
    16 marzo 2008 a 23:00 | #1

    ……..per quel cammino ascoso
    intrammo a ritornar nel chiaro mondo,
    e sanza cura aver alcun riposo
    salimmo su,el primo e io secondo
    tanto ch’ì vidi delle cose belle
    che porta ‘l ciel,per un pertugio tondo,
    e quindi uscimmo a riveder le stelle…..

    salutami lady bug….

  2. adriana
    20 marzo 2008 a 14:47 | #2

    qui non è arrivata ancora la primavera a parte il mio commento in onore di dante …. ma piove e…. piove…. .
    intanto scorgo dai media il nuovo dei R.E.M. ,l’hai sentito? buona giornata e salutami tanto il mio caro fabio…

  1. Nessun trackback ancora...