Archivio

Archivio per novembre 2008

The Cure, 4:13 Dream

30 novembre 2008 Nessun commento

Tredici brani per il tredicesimo album in studio dei Cure, uscito all’inizio di novembre e preceduto da una serie di singoli tutti pubblicati lo stesso giorno (il 13, ovviamente), da maggio a settembre. Promozioni incrociate, marketing virale, social media e anteprime live (a Roma, lo scorso ottobre): eppure 4:13 Dream non finirà accanto ai capolavori della band di Robert Smith, come Pornography o Disintegration. Album che hanno segnato un’epoca, che sono finiti in classifica, che hanno definito un genere, da noi chiamato “dark” e nel resto del mondo “gothic”: abiti neri e poeti maledetti, ma anche storie d’amore romantiche e un po’ morbose.

Oggi, con trentadue anni carriera alle spalle, i Cure sembrano incerti sulla direzione da prendere, e così la gestazione di 4:13 Dream, tra rinvii e contrattempi, è stata molto lunga più del previsto. Concepito originariamente come un doppio album, dura invece meno di un’ora: contiene solo alcuni dei 33 brani registrati, quelli in cui è più evidente la matrice pop  della band (gli altri dovrebbero essere pubblicati nella primavera del 2009 in un altro disco).

Ma Sleep When I’m Dead non è Close To Me, come il crescendo di Scream non è The Kiss, e The Only One non è Friday I’m in Love. Qui, certo, non c’è la nostalgia ruffiana di altri protagonisti degli anni Ottanta tornati per spremere gli ultimi spiccioli ai loro fan ingrigiti, ma neppure c’è l’inventiva bizzarra dei Cure, la loro poesia, il loro fascino oscuro. Tolte le chitarre elettriche, rimangono solo un po’ di rossetto sbavato e la bella voce di Robert Smith.

Categorie:Musica Tag: , , ,

ApplePc, i cloni italiani del Mac

24 novembre 2008 Nessun commento

E’ una strana storia, quella di ApplePc. Lo scorso venerdì il sito riportava prezzi e caratteristiche di una serie di computer chiaramente pensati per competere con i prodotti di Cupertino, e infatti nella pagina introduttiva si dichiarava con un certo orgoglio: “Noi possiamo offrirvi delle macchine totalmente identiche nelle funzionalità ai computer venduti dalla Apple”. Identiche, salvo che nel prezzo: un computer desktop con specifiche superiori a quelle dell’iMac 24” 2,8GHz costava 549 euro anziché 1599, sia pure senza tastiera e monitor (acquistabili dalla stessa ditta, la romana Informatica Ingegneria).

E’ la politica dei cloni, quella che verso la fine degli anni Novanta era stata prima incoraggiata dalla stessa Apple, poi aspramente combattuta dopo il ritorno di Steve Jobs. Allora, però, la convenienza era limitata, perchè tutti i Mac adoperavano standard proprietari, e non c’era quasi nulla, dal processore alle schede di memoria, che potesse essere condiviso col mercato più vasto ed economico dei componenti per pc. La situazione è cambiata gradualmente, e dall’inizio del 2006, con l’adozione dei processori Intel, l’hardware dei computer Apple è sostanzialmente equiparabile a tutti gli altri, salvo alcuni dettagli (i connettori MagSafe e DisplayPort, ad esempio). Così i cloni sono tornati, e c’è chi ha chiuso prima ancora di aprire, chi invece è diventato famoso più per le battaglie legali in cui sono coinvolti che per i propri prodotti: è il caso di Psystar, che – citata in giudizio per aver infranto alcune norme di copyright – ha pensato bene di controcitare Apple per abuso di posizione dominante.

Non sappiamo quali siano i margini legali in cui si muove ApplePc, però sembrano assai ristretti. E’ vero che la ditta italiana non vende macchine con il sistema operativo installato (come invece fa Psystar), ma i riferimenti ad Apple sono troppi e troppo numerosi per ignorare quello che è il messaggio finale: come sui normali Mac, su questi computer si può adoperare Os X 10.5.5 (e aggiornamenti), quindi non è il caso di spendere il triplo per comprare uno con la Mela. E per chi volesse sfoggiarla comunque, c’è pure quella: grande, un po’ goffa, incollata sul case lucido in sette colori. Così Jobs è sorpassato a destra, e infatti lo slogan del sito è “Think More Different”, scritto pure con lo stesso carattere Garamond usato da Apple.

E però, stranamente, il sito non è più raggiungibile dopo un articolo di Macitynet che per primo ne segnala l’esistenza, poi alcune pagine scompaiono, e infine – quando riappaiono – i computer in vendita sono uguali, ma senza Mela (miracoli di Photoshop). Come nota il blog The AppleLounge, cambia anche lo slogan che pubblicizza il modello intermedio, in diretta concorrenza con l’iMac: anziché “configurato e pronto all’uso”, diventa “configurato e pronto per l’installazione software”. Invariato il prezzo, come pure la garanzia di due anni (Apple si limita a uno). Sparita anche la pagina dedicata ai portatili, qui battezzati MAC Book.Pc, precedentemente in vendita a 459 euro: non sono l’equivalente dei laptop Apple, ma addirittura un modello nuovo: il netbook che Cupertino non ha (ancora?) in catalogo.

C’è solo una mail cui rivolgersi per ulteriori informazioni, nella pagina dei contatti è sparito anche il numero di telefono da chiamare. E tuttavia c’è ancora qualcuno che risponde, e spiega che il nuovo sito sarà online in settimana, con tanto di configuratore per ordinare online cloni Apple personalizzati.  Ma come si installa il software Os X? A sentire il nostro interlocutore, esattamente come si fa su un Mac: non serve essere hacker, non c’è bisogno di inserire chiavette usb con delle patch.

E così, da un garage romano parte la nuova sfida a Cupertino: evidentemente l’hardware è stato modificato in qualche modo, dal momento che non è possibile installare il sistema operativo Apple su un qualsiasi pc Intel, quindi il trucco sta nell’ingannare l’installer e fargli credere che il computer è davvero un Mac. Come tutto questo accada, al momento non è dato sapere, eppure, a dire di ApplePc, funziona.

Categorie:Tech Tag: , , ,

Un caffè con Samuel dei Subsonica

Samuel è vestito come per un concerto: jeans e camicia nera a maniche corte, di taglio vagamente militare. Vive a due passi dalla Mole, proprio nel centro di quella Torino che oggi è famosa anche per segnato l’esordio della sua band, i Subsonica (“Ma – precisa – i primi successi li abbiamo avuti a Milano, Roma e Napoli; la nostra città è arrivata dopo”). Prepara il caffè con una curiosa macchinetta gialla e racconta dell’ultimo disco, Nel vuoto per mano, appena uscito: quindici canzoni a ripercorrere dodici anni di storia del gruppo.
Cos’è cambiato in tutto questo tempo?
“All’inizio eravamo più una famiglia che una band: passavamo le giornate in studio e andavamo tutti a dormire in casa di Max, l’unico che avesse un posto dove stare. La musica faceva parte del nostro mondo come mangiare, leggere un libro, parlare con gli amici. Dovevamo ancora scoprire chi eravamo e quale fosse la nostra strada, anche se di una cosa eravamo certi: non volevamo essere un gruppo da classifica”.
E qui avete fallito…
“Non del tutto: per noi è sempre stato predominante l’aspetto live, i concerti, il pubblico; una dimensione che in questi anni è stata sempre molto presente. Come è stata presente l’esigenza di raccontare noi stessi e il periodo che stiamo vivendo”.
Per questo avete organizzato i due giorni di No Nuke?
“C’è chi vuole riportare le centrali atomiche in Italia utilizzando lo spauracchio della crisi energetica e l’arma della disinformazione. L’opposizione non ci sembra capace di controbattere, perciò abbiamo ideato due concerti, uno a Roma e uno a Torino, dove abbiamo ospitato scienziati ed ecologisti che hanno dato sia a noi che al pubblico un’informazione più approfondita”.
E la scuola?
“Siamo stati studenti fino  a poco fa e troviamo assurdo il piano della Gelmini. In questo momento di appiattimento culturale un movimento come l’Onda è una grande speranza per l’Italia, mostra un’energia che negli ultimi anni è mancata. Se ci chiameranno, noi saremo al loro fianco, però non vogliamo che la nostra presenza faccia perdere di vista il motivo della protesta”.
Tornando alla musica, c’era bisogno di un’antologia dei Subsonica?
“Assolutamente no”.
E allora perché pubblicarne una?
“Molte band hanno nel proprio contratto l’obbligo di far uscire un greatest hits. C’è chi si tira fuori e lascia fare all’etichetta, ma noi abbiamo deciso di impegnarci perché il risultato finale ci rappresentasse davvero”.
E’ un disco molto omogeneo, sembra quasi che i brani siano stati scritti contemporaneamente.
“Abbiamo un marchio di fabbrica, che è il nostro studio: stesse macchine, stessi strumenti, stessa attitudine; come Subsonica abbiamo svilito la figura del musicista in favore della produzione e dell’arrangiamento, cercando di mettere in secondo piano il lato umano della nostra musica. Ma poi il brano inedito, Il Vento, è quello dove siamo più che mai musicisti”.
Come mai quasi tutti i brani dell’antologia sono stati dei singoli?
“La nostra strada è stata segnata dalle scelte che abbiamo fatto: quelli erano allora i nostri brani migliori, ed è stato bello a distanza di tanto tempo vedere che la pensiamo ancora così”.
Ci sarà anche un tour?
“I concerti saranno divisi in due parti: nella prima ci saranno le canzoni della raccolta, più qualche altra, mentre la seconda sarà una sorta di deejay set, con i brani più dance missati insieme. Suoneremo nei club, i luoghi dove avevamo iniziato: vogliamo che le nostre produzioni decrescano; niente impianti luce esagerati, basta con le decine di migliaia di watt per l’audio”.
E’ recessione?
“No, semmai una maggiore attenzione all’ambiente: dallo scorso anno abbiamo cominciato a usare energia solare per i concerti, anche se per ora riusciamo ad alimentare solo gli strumenti sul palco. In questo tour andremo in giro con un tir soltanto, anziché tre, e in futuro speriamo di riuscire a fare musica a impatto zero”.
Come tante band italiane, da un’etichetta indipendente siete passati a una major quando avete cominciato ad avere successo. Ma è un passo indispensabile?
“Ad un certo punto i rapporti con la Mescal sono peggiorati, altrimenti avremmo continuato a lavorare per loro. Non c’era più la fiducia e la voglia di andare avanti insieme, così siamo passati alla Emi, e ora abbiamo un contratto che ci lascia molta più libertà rispetto a quello precedente”.
Tornerete a Sanremo?
“Io senz’altro. D’estate mia madre va in vacanza lì e passo a trovarla ogni tanto. Poi chissà, l’ultima volta che me l’hanno chiesto ho detto che al Festival non sarei andato assolutamente, e poi eravamo lì dopo qualche mese. Ma era un’edizione speciale: presentava Fabio Fazio, hanno vinto gli Avion Travel, in gara c’erano Max Gazzè e Carmen Consoli: un mondo molto più simile al nostro rispetto alla media del Festival. Così, quando ce l’hanno proposto, abbiamo visto i partecipanti e siamo andati volentieri, ma ovviamente è stato uno di quelli meno che hanno venduto meno”.
C’è un disco nuovo dei Subsonica?
“Per ora pensiamo al tour, so che ci divertiremo molto, poi prenderemo spazio per i progetti personali. Sto scrivendo i brani per il prossimo album dei Motel Connection, e anche gli altri si prenderanno del tempo per le loro attività, poi ci rincontreremo per rimetterci in gioco  come gruppo”.
Quindi non vi sciogliete, a dispetto delle voci che ogni tanto girano?
“Le voci girano ogni anno. Non è assolutamente vero che ci sciogliamo, ma è vero che abbiamo un modo strano di vivere i nostri dischi. Quando fai un album metti in gioco sensazioni intime, che vanno confrontate con quelle degli altri, e questo crea inevitabilmente degli attriti, perciò dopo distruggiamo tutto e poi ricostruiamo da capo. Chi ci conosce bene sa che i Subsonica si sono già sciolti decine di volte”.

Categorie:Musica Tag: , , ,