Home > Tech > Il tablet Apple arriva a gennaio

Il tablet Apple arriva a gennaio

apple-tablet-2

Il Gridpad, quello che molti considerano il primo tablet computer, fu presentato nel 1989. Privo di tastiera e comandato con uno stilo digitale, doveva rivoluzionare il mercato dei pc: invece ispirò i palmari, come il Palm e il MessagePad di Apple. Poi, all’inizio del Terzo millennio, arrivarono i Tablet Pc basati su Windows; belli, ma poco pratici, per qualche anno sono rimasti una nicchia nell’informatica mobile e poi scomparsi senza lasciare troppi rimpianti.

Ma negli ultimi anni il panorama è cambiato, con il successo dei netbook, il debutto su grande scala del libro elettronico, la crescita degli smartphone (primo fra tutti l’iPhone). Così il 2010 potrebbe essere il momento giusto per un rilancio di un Tablet Pc riveduto e corretto. Il modello ideale dovrebbe avere un prezzo basso, all’incirca come un netbook, utilizzare uno schermo simile a quello di un reader eBook (almeno 7 pollici, ma meglio 10), ed essere controllabile con il tocco, meglio se senza pennini. Attualmente non esiste nessun apparecchio che abbia tutte queste prerogative: i netbook costano poco, ma non hanno il touchscreen, i lettori di eBook di solito non consentono di navigare nel web, il telefonino di Apple ha uno schermo troppo piccolo per i contenuti multimediali.
Eppure, per tutta la seconda metà del 2009, sui siti web specializzati non si è fatto altro che parlare di un tablet con la Mela, che potrebbe cambiare il mercato dell’informatica da tasca, proprio come, con la sua nascita, l’iPod ha ridisegnato gli scenari della musica digitale. L’apparecchio, insomma, è importante, e certamente Apple segnerà nuovi standard nel design e nella funzionalità quando presenterà il suo tablet (probabilmente a gennaio, per arrivare sul mercato in primavera), ma è fondamentale anche capire quali saranno i contenuti disponibili sul nuovo gadget e come verranno distribuiti.

L’idea vincente di Steve Jobs è stata quella di abbinare l’hardware a un servizio: iTunes per scaricare musica sull’iPod, App Store per installare applicazioni sull’iPhone. Adesso sembra che per il nuovo apparecchio (ancora senza nome, ma c’è chi ipotizza che potrebbe chiamarsi «iSlate») a Cupertino abbiano inventato una piattaforma capace di mettere insieme testo e immagini, video e musica: perfetta per vedere un film, ma abbastanza flessibile da funzionare anche per riviste e magazine. E infatti, «Time», «Wired» e «Sports illustrated» sarebbero in trattativa con Apple, ma anche Disney sarebbe della partita. I contenuti digitali potrebbero essere distribuiti tramite un negozio virtuale, sul modello appunto dell’App Store; analogo sarebbe anche il meccanismo di ripartizione dei profitti: 30 per cento ad Apple, il resto all’editore.

In attesa della mossa di Jobs, altri produttori di computer hanno annunciato i loro tablet pc per il 2010, e parecchi se ne vedranno al Consumer Electronic Show di Las Vegas, che inizia il 7 gennaio 2010. Tra le tante indiscrezioni che circolano, sembra che Dell stia progettando un tablet insieme con Intel, mentre Microsoft starebbe preparando il suo «Courier», che ha due schermi e si apre come un libro; saranno certamente annunciati anche nuovi prodotti di Toshiba, Samsung e Asus, tutte già con una lunga esperienza nell’informatica mobile.

Con l’ovvia eccezione di Apple, questi apparecchi saranno perlopiù basati su Windows 7, l’ultima versione del sistema operativo di Redmond (equipaggia uno dei pochi già in commercio, l’Archos 9). Nokia ha una sua piattaforma derivata da Linux e potrebbe svilupparla ancora (al momento è impiegata su un solo terminale), per allargare finalmente il suo mercato oltre i telefonini. Ma non è detto che Google, dopo il debutto nel settore degli smartphone con Android, non decida di lanciarsi anche nei tablet, magari con il sistema operativo Chrome, annunciato proprio per il 2010.

Be Sociable, Share!
Categorie:Tech Tag: , ,
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...