Home > Media, Tech > iPad, pregi e difetti

iPad, pregi e difetti

ipad_steve_jobs

All’Apple Store di Stockton Street c’è il solito viavai di clienti, turisti, curiosi, fanatici della Mela. E molti, convinti di trovare l’iPad già sugli scaffali del negozio, rimangono delusi quando i commessi spiegano che dovranno attendere fino a marzo (aprile, se vogliono il modello 3G).

Inseguita da anni, prevista da blogger e siti web, annunciata da partner commerciali mesi prima che fosse presentata, la tavoletta magica di Steve Jobs portava con sé un carico di aspettative tale da dover necessariamente scontentare più d’uno. E così è stato: azioni in calo, critiche sul web, dove qualcuno aveva immaginato addirittura un sistema capace di riconoscere il volto e adattare le prefaerenze a seconda dell’utilizzatore, o un display in grado di dare la sensazione del rilievo dei singoli tasti quando si usa la tastiera virtuale. Certo, qualche caratteristica nuova potrebbe arrivare in seguito, con aggiornamenti software, com’è successo per l’iPhone; è il caso, ad esempio, del multitasking, tecnicamente possibile, ma ancora assente: il tablet con la Mela oggi può eseguire solo un programma per volta.

L’hardware, però, non si può modificare facilmente, e se una webcam esterna o un adattatore usb prima o poi arriveranno, sarà difficile che qualcuno trovi un modo per usare le normali schede telefoniche sull’iPad: curiosamente Apple ha scelto le nuovissime MicroSim, più piccole delle Sim attuali. Se è vero che in teoria si può usare con tutti operatori, il tablet di Jobs funziona in realtà soltanto con AT&T, al momento l’unica a produrle; per chi vuole usarlo in Europa, c’è il modello con wifi, che costa anche meno. Per il resto, in pochi hanno avuto modo di provarlo dal vivo (i giornalisti accreditati erano 600), quindi quelle che circolano sono perlopiù illazioni o impressioni.

Diverso l’atteggiamento degli analisti, che prevedono per l’iPad vendite variabili tra 1 e 5 milioni per quest’anno: la piattaforma convince, per prezzo e caratteristiche tecniche. Ma perché davvero sia una via d’uscita alla crisi dei media c’è da inventare un linguaggio nuovo, più semplice di quello del web, capace di integrare testi, audio, video, foto in un modo diverso e originale, non basta copiare il New York Times. Bene i giochi (anche se i blogger continuano a preferire l’iPhone e l’iPod Touch), qualche dubbio sugli accordi con i gruppi editoriali: mancava McGrawHill, forse perché il direttore editoriale Terry McGraw si era lasciato sfuggire di “essere molto contento” per il tablet Apple proprio alla vigilia della presentazione. A proposito di eBook, il Kindle sarebbe avvantaggiato dal display e-ink, che consente una lettura più riposante; apprezzata senza riserve invece l’applicazione iBooks, semplice da usare e graficamente molto ben realizzata, anche se all’inizio sarà disponibile solo negli Usa. Intanto, i lettori di eBook Sony a San Francisco sono in saldi, col 50 per cento di sconto.

I pregi

  • Veloce, grazie al processore sviluppato da Apple
  • Facile da usare (è come un iPhone)
  • Compatibile con i programmi su App Store
  • Eccellente per navigare sul web, controllare la posta, vedere foto e video
  • Schermo molto luminoso, con ottimi colori
  • Il prezzo è ragionevole, relativamente alle caratteristiche
  • Piccolo e leggero, ha una struttura in alluminio che non si graffia come l’iPhone
  • La batteria dura 10 ore, secondo Apple (e fino a un mese in standby)
  • L’applicazione per gli eBook è intuitiva e ha una grafica curatissima
  • Apple ha previsto anche un dock con tastiera integrata (ma si paga a parte: 69 dollari)

I difetti

  • Niente multitasking: si può eseguire solo un programma per volta
  • Memoria limitata (solo 16 Gb per il modello più economico)
  • Sistema chiuso: per installare i programmi bisogna passare attraverso App Store
  • Manca la fotocamera
  • Il modello con connessione 3G costa 130 dollari in più
  • Non è compatibile con i siti web che usano Flash
  • I programmi per iPhone sono visualizzati con le dimensioni che hanno sul telefonino Apple oppure ingranditi, ma perdono definizione
  • Manca una porta Usb
  • Il modello 3G non usa una Sim standard, ma le nuove Micro-sim, ancora rarissime. Non si può togliere la scheda dal cellulare e inserirla nell’iPad
  • Al momento non si può usare come telefono, se non con Skype o simili
Be Sociable, Share!
Categorie:Media, Tech Tag: , ,
  1. Nessun commento ancora...
  1. Nessun trackback ancora...