Archivio

Archivio per la categoria ‘iPhone’

iPhone 4S, la prova

Uguale fuori, nuovo all’interno. L’iPhone 4S a tutta prima non si distingue dal modello precedente (anche la sigla sul retro è uguale, ma a ben vedere, ci sono differenze nella posizione dello switch mute e nei segmenti in cui è divisa l’antenna): la novità è  il processore A5, lo stesso dell’iPad 2. Sia pure leggermente meno veloce rispetto a quello del tablet Apple, il chip a doppio nucleo dell’iPhone garantisce un funzionamento più reattivo, una risposta più immediata ai comandi, una maggiore fluidità nei video e nei giochi, grazie anche alla nuova scheda grafica.

Il display è lo stesso, ottimo, dell’iPhone 4, con una definizione eccellente e una buona luminosità, ma – almeno nell’esemplare in prova– presenta una colorazione più calda e tendente al giallo. C’è da dire che fino all’anno scorso i 3,5 pollici dello smartphone Apple sembravano tanti, mentre oggi alcuni concorrenti offrono schermi più ampi, addirittura fino ai 4,7 dell’Htc Sensation XL (senza contare i 5,65 pollici del Samsung Galaxy Note, che però è già quasi un tablet).

Cambia invece la fotocamera, e il miglioramento è notevolissimo: non solo per l’incremento dei megapixel, che passano a 5 a 8, ma anche per il nuovo sistema di lenti (ora sono 5 e non 4) che permettono una messa a fuoco migliore. Rinnovato pure il sensore di luminosità: nelle foto con poca luce il rumore di fondo è ridotto e i dettagli sono ora più chiari. Non manca nemmeno il riconoscimento automatico dei volti, per mettere a fuoco un ritratto singolo o di gruppo. I filmati video, poi, sono finalmente in vero full Hd a 1080 punti e stabilizzati elettronicamente. La fotocamera è da sola uno dei punti di forza del nuovo iPhone: velocissima, si attiva anche col tasto del volume, produce immagini eccellenti, certamente da paragonare più a una macchina fotografica che a un normale telefonino. E’ anche possibile applicare correzioni, eliminare l’effetto occhi rossi, tagliare o ruotare le immagini direttamente sull’iPhone.

L’altra novità vera del nuovo iPhone 4S si chiama Siri, e non è nell’hardware ma nel software: un assistente vocale che permette di gestire le varie funzioni del telefono interagendo naturalmente, senza dover imparare una lista di comandi. Geniale, ma per ora disponibile solo in inglese, francese e tedesco.
Già dal 3GS l’iPhone aveva un sistema di controllo vocale, dal funzionamento un po’ incerto e con un numero ridotto di opzioni, ma Siri – anche se attualmente in versione beta – è un balzo in avanti. Basta chiedere: “Mi servirà un ombrello oggi?” E l’iPhone risponde con una dolce voce femminile: “Sembra proprio che pioverà tra qualche ora”. Con l’assistente personale si possono fissare appuntamenti, scrivere mail, prendere appunti e note che si attiveranno in determinati luoghi (passando accanto al fioraio, ad esempio, segnalerà di comprare le orchidee per la suocera). Siri comprende il linguaggio naturale e risponde come farebbe la migliore delle segretarie, senza tralasciare un pizzico di ironia (a chiederle quanti anni ha, ad esempio, replica: “Non mi è permesso rispondere a questa domanda”).
Siri si basa su Wolfram Alpha, un motore di intelligenza artificiale assai evoluto, e funziona solo se si è connessi a internet, sia perché ha bisogno di comunicare con il datacenter Apple, sia perché è dal web che ricava indicazioni come i cambi delle valute o le previsioni meteo. Per ogni lingua, l’assistente vocale ha una voce diversa, a volte maschile, a volte femminile, un po’ come accadeva per l’iPod Shuffle di terza generazione. Abbiamo provato con l’inglese americano e il tedesco, e le risposte alla stessa domanda cambiano: la Siri teutonica, ad esempio, è meno simpatica, e a chiederle l’età ribatte con un “te ne importa qualcosa?”.

Avremo modo di conoscere il carattere Siri in italiano l’anno prossimo, quando sarà finalmente disponibile nella nostra lingua.  Intanto, oltre allo svantaggio di non avere (per ora) l’assistente vocale, l’iPhone 4s venduto in Italia è il più costoso d’Europa: non c’è Iva o balzello che tenga, la differenza con il Regno unito, ad esempio, al cambio attuale supera i 100 euro sul modelli da 32 GB. A questo punto conviene considerare le tariffe in abbonamento degli operatori italiani, che possono risultare interessanti, specie al momento del lancio, con offerte speciali e promozioni.

Molte delle nuove funzioni dell’apparecchio sono incluse in iOS 5, il nuovo sistema operativo che può essere installato gratuitamente su iPhone 4 e 3GS. Così è possibile, ad esempio, accedere ad iCloud, il servizio cloud di Apple che permette di sincronizzare automaticamente contatti e dati tra più dispositivi: le foto, ad esempio, saranno immediatamente disponibili su iPad o sul computer, come pure le app acquistate e gli eBook scaricati. Anche i modelli più vecchi potranno installare Find My Friends, l’app per localizzare amici e parenti, avranno l’Edicola dove consultare giornali e magazine, potranno finalmente copiare le canzoni dal computer utilizzando la rete wifi.  E ancora: le notifiche sono meno invasive, c’è iMessage, il servizio di messaggistica istantanea per comunicare con altri dispositivi iOS, Twitter è integrato nel sistema (per postare un link, ad esempio, basta toccare l’indirizzo della pagina web che si vuole condividere).

Con iOS 5 non è più necessario collegare l’iPhone al computer nemmeno la prima volta per attivarlo: finalmente gli apparecchi post-pc possono fare a meno del pc. Serve una rete wireless o 3G, ma poi si fa tutto in pochi passaggi. Addirittura è disponibile un’opzione che permette di usare iCloud anziché il computer per effettuare il backup dell’iPhone (ma anche dell’iPad); è consigliabile usare il wifi, per evitare di consumare tutto il traffico dati: la nuvola di Apple permette di conservare fino a 5GB gratis, incrementabili a pagamento.

Altra funzione assai utile è il nuovo Promemoria, che permette di impostare allarmi e avvisi geolocalizzati: può segnalare ad esempio di prendere gli occhiali quando si è sulla porta di casa, o inviare un messaggio appena si arriva in ufficio. Anche questa è una funzione disponibile sui modelli precedenti che siano stati aggiornati. Ma prevede che i servizi di localizzazione siamo sempre attivi, quindi tende a consumare più velocemente la batteria. A proposito di autonomia, Apple dichiara per il nuovo modello una durata in standby sensibilmente inferiore all’iPhone 4: 200 ore contro 300. Nell’uso pratico questo difficilmente sarà un problema, mentre potrebbe esserlo un malfunzionamento riscontrato da alcuni acquirenti del 4S la cui batteria si scarica assai velocemente e – sembra – senza ragione. Apple sta indagando per trovare una soluzione, ma l’esemplare in prova sembra essere immune da questo difetto e l’autonomia si è mostrata paragonabile a quella dell’iPhone 4S. Nell’uso quotidiano, con alcune telefonate, qualche foto, web browsing, mail, eBook, musica, è difficile arrivare a fine giornata senza una ricarica anche parziale: una prestazione non certo entusiasmante, ma in linea con i concorrenti.

Alla fine vale la pena di acquistare il nuovo iPhone 4S? E’ il migliore iPhone di sempre, Apple ha ragione: la ricezione è migliorata, grazie al nuovo disegno delle antenne per la rete cellulare, il bluetooth è aggiornato all’ultima generazione, Airplay permette il mirroring dello schermo sul televisore con Apple tv o con un cavo hdmi (una soluzione fantastica per video e giochi); poi c’è un’ottima fotocamera e ci sarà Siri. Tutto questo non sarà possibile averlo sui modelli precedenti aggiornando il sistema operativo e potrebbe spingervi all’acquisto. Il consiglio? Per chi ha un 3GS e vuole cambiare, il miglioramento è evidente da tutti i punti di vista e l’acquisto certamente sensato, ma chi possiede già un iPhone 4 può aspettare senza timore di ritrovarsi un apparecchio sorpassato (almeno finché non usciranno giochi e app che sfruttano la potenza del doppio processore). Poi, certo, c’è chi ha bisogno assoluto di 64 GB di memoria, e allora la scelta è obbligata…
Chi invece si avvicina per la prima volta a uno smartphone potrebbe essere spaventato dal prezzo, visto che la concorrenza sembra offrire apparecchi analoghi a cifre meno esorbitanti. Ma la qualità dei materiali e della costruzione Apple è ancora imbattuta, come pure la semplicità del sistema  operativo e l’incredibile varietà delle app sullo Store.

Categorie:iPhone, Tech Tag: , ,

iPhone 4S, da oggi si parla al telefonino

C’era una sedia vuota  ieri nell’auditorium dove Tim Cook presentava il nuovo iPhone 4S. Steve Jobs, il fondatore di Apple, il guru, il profeta dell’informatica per tutti, non si è visto. Alcuni ci speravano, e forse quel posto era davvero riservato per lui. Ma Jobs non si è visto e il nuovo Ceo ha condotto la presentazione alternandosi con gli altri vicepresidenti, percorrendo l’unica via possibile per inaugurare la nuova stagione di Apple: ridisegnare l’azienda come un’entità collettiva. Cook non si è risparmiato qualche battuta per i pochi e selezionati giornalisti presenti, che non erano allo Yerba Buena Center di San Francisco, ma al campus di Cupertino (e a Londra, nell’Apple Store di Covent Garden). Per il resto, tutto era come sempre alle presentazioni Apple, solo un po’ diverso: la musica, ad esempio, pesscava nel repertorio attuale più del solito, le slide con i dati di vendita avevano una grafica più moderna, lo stesso Cook indossava sì dei Levi’s 501, ma con una camicia grigio scuro, anzichè una t-shirt nera.

Il debutto ufficiale in veste di Ceo è risultato un po’ sottotono, soprattutto perché non c’è stato un iPhone 5, che  alla vigilia dell’evento era dato come possibile da siti di rumors devoti al culto della Mela. Il Nasdaq ha fatto segnare per Apple  un calo di circa il 3 per cento, ma la delusione più grande è stata per i fan devoti al culto della Mela. Dovranno accontentarsi dell’iPhone 4S, identico al modello attuale, ma con il processore dual core A5 dell’iPad. Arriverà negli Usa (e Giappone, Germania, Francia, Regno Unito) il 14 ottobre con una fotocamera migliorata, la batteria potenziata, una nuova antenna per garantire una navigazione sul web più veloce, com’è lecito aspettarsi da un apparecchio che utilizza le ultimissime tecnologie. Ma la vera novità è un’altra: il nuovo smartphone Apple si comanda interamente con la voce.  Google con Android offre già da qualche mese funzioni di ricerca vocale sugli smartphone (anche in italiano), e tuttavia la soluzione di Apple è più matura ed elaborata, e raccoglie il frutto di lunghe ricerche condotte dal governo statunitense sull’intelligenza artificiale.

A ben vedere, qualche indizio c’era. L’invito all’evento di Apple consisteva in una sola riga di testo: “Let’s talk iPhone”, traducibile con “parliamo di iPhone” oppure “parliamo, iPhone”.  Che al centro dell’appuntamento di ieri ci dovesse essere la nuova versione dello smartphone di Cupertino era evidente, visto che l’iPhone 4 è in commercio da 16 mesi e finora i nuovi modelli sono stati presentati con cadenza annuale, sempre a giugno. Le anticipazioni puntavano a un nuovo design, più sottile e con schermo più grande, ma solo in pochi avevano saputo cogliere nell’invito un doppio senso nascosto, relativo appunto all’assistente vocale. Così in realtà la traduzione giusta era la seconda: “Parliamo, iPhone”, in un curioso dialogo tra uomo e macchina che sembra preso pari pari da un film di fantascienza.

“Per decenni – osserva  Phil Schiller, vicepresidente marketing di Apple – la tecnologia ci ha illuso con la possibilità di parlare ai computer, un sogno che non si è mai realizzato”. Adesso diventa realtà con Siri, e a provarla dal vivo per qualche minuto la tecnologia che arriva da Cupertino è davvero inquietante. Basta chiedere: “Mi servirà un ombrello oggi?” E l’iPhone risponde con una dolce voce femminile: “Sembra proprio che pioverà tra qualche ora”. Con l’assistente personale si possono fissare appuntamenti, scrivere mail, prendere appunti e note che si attiveranno in determinati luoghi (passando accanto al fioraio, ad esempio, il diabolico apparecchio segnalerà è il caso di comprare le orchidee per la suocera). Non c’è bisogno di imparare una lista di comandi, Siri comprende il linguaggio naturale e risponde come farebbe la migliore delle segretarie: ottimo, ad esempio, quando si guida.

Dopo oltre 130 milioni di iPhone venduti, Apple ha scelto la strada dell’evoluzione, così molte delle funzioni del nuovo sistema operativo iOS5 per dispositivi mobili saranno disponibili anche sul vecchio iPhone 4 e sull’iPad. Non ci sarà Siri, ma ci sarà ad esempio iCloud, il sistema di cloud computing made in Cupertino. E’ una nuvola dove sono immagazzinati canzoni, film, ebook, programmi, documenti: tutto è sincronizzato istantaneamente, senza nemmeno premere un tasto. Così, per la musica, se vogliamo ascoltare proprio quel brano che non abbiamo copiato sull’iPhone, è la nuvola a scaricarla con iTunes Match. Se abbiamo già acquistato un’app sull’iPad, subito sarà disponibile anche sull’iPod Touch. Si può addirittura cominciare a scrivere un file di testo su un apparecchio e continuare sull’altro. E anche le foto, appena scattate si possono vedere sul pc di casa.

Il servizio iCloud parte il 12 ottobre, insieme con l’aggiornamento (gratuito) del sistema operativo. Nel catalogo Apple rimane il vecchio iPhone 3GS, e compare anche una versione da 8GB dell’iPhone 4, per coprire una fascia di prezzo più bassa rispetto al modello top. L’iPhone 4S sarà in vendita in Italia il 28 ottobre e potrebbe aprire una nuova era per i gadget elettronici, dopo quella del touchscreen: in futuro parleremo sempre più al telefonino, ma sempre meno per comunicare con altri esseri umani. Sempre che un giorno Siri sia disponibile anche nella nostra lingua.

Una spia nell’iPhone

Per chi nasconde qualche segreto al partner o al capufficio, da ieri Pete Warden e Alasdair Allan sono pericolosi nemici. I due ricercatori hanno infatti scoperto che l’iPhone e l’iPad 3G di Apple tengono traccia dei movimenti di chi li usa e realizzato un programma per visualizzare su una mappa i dati registrati: il risultato è inquietante anche se la precisione non è eccelsa.

Agli spioni elettronici non sfugge nulla, eppure forse così non è stato per gli acquirenti di iPhone (oltre 108 milioni) e di iPad (19 milioni). Se avessero scorso fino alla fine le 16 mila parole della licenza d’uso, prima di cliccare su “accetto” , avrebbero letto: “Apple e i nostri partner e licenziatari possono raccogliere, utilizzare e condividere dati precisi sul luogo, inclusa la posizione geografica in tempo reale del Suo computer o dispositivo Apple”. A ogni buon conto, il senatore repubblicano Al Franken ha scritto a Steve Jobs chiedendo di far luce sulla questione; delle nove domande che pone, la prima è la più importante: perché Apple raccoglie queste informazioni? Il motivo non è chiaro, tanto più che i dati raccolti non verrebbero inviati a Cupertino, ma copiati sul computer ad ogni backup del dispositivo. E inoltre, le app per iPhone e iPad che fanno uso della geolocalizzazione richiedono sempre un permesso esplicito, mentre il file incriminato viene aggiornato costantemente, senza che l’utente ne sia informato.

Normalmente i dati relativi alla presenza di un telefonino in una certa zona sono raccolti dagli operatori, che su richiesta possono fornirli agli inquirenti per le indagini (è così, ad esempio, che la Procura di Milano conosce gli spostamenti dei protagonisti del Rubygate). Di recente, il parlamentare verde tedesco Malte Spitz ha chiesto alla Deutsche Telekom di pubblicare il file che lo riguarda: in sei mesi, le coordinate del suo cellulare erano state registrate 35 mila volte.  E oggi, tra chi pretende chiarimenti ad Apple c’è naturalmente il Ministero tedesco per la tutela dei consumatori, ma anche l’Adoc italiana, che invoca l’intervento del Garante per la privacy.

Un anno fa Steve Jobs aveva spiegato come Apple tenesse alla riservatezza dei propri clienti più di tante altre aziende tecnologiche, riferendosi evidentemente a Facebook, Google, Foursquare, che raccolgono dati personali, a volte in maniera non del tutto trasparente. Così qualcuno ipotizza un bug: in iOS4, il sistema operativo lanciato a giugno 2010, il file incriminato non si cancellerebbe da solo, ma continuerebbe a registrare i dati. Con un aggiornamento software il problema sarebbe risolto, ma nel frattempo è consigliabile attivare l’opzione per criptare il backup sul computer, in modo che le informazioni non siano accessibili. E chi non ha niente da nascondere, con iPhone Tracker può farsi una bella mappa dei suoi viaggi da mostrare agli amici su Facebook, che tanto avranno già visto foto, video, commenti: altro che privacy.

 

iPhone 4, la prova su strada

1 agosto 2010 1 commento

Arriva nei negozi italiani l’iPhone 4, forse il prodotto Apple di cui più si è parlato negli ultimi tempi. E non sempre bene: un paio di settimane fa, Steve Jobs ha convocato una conferenza stampa per cercare di smontare l’«Antennagate», una tempesta mediatica che ha trasformato un successo (tre milioni di esemplari venduti in tre settimane) in un disastro. Il nuovo supertelefonino Apple, infatti, più che per le sue raffinatezze tecnologiche, è diventato famoso per un difetto: impugnandolo in un certo modo la ricezione peggiorerebbe fino a scomparire. Jobs ha ammesso in parte il problema –comune però a molti altri telefonini – e ha deciso di regalare (anche in Italia) una custodia in silicone che protegge il corpo in vetro e acciaio dell’apparecchio e riduce le interferenze.

L’antenna
Abbiamo testato l’iPhone 4 per alcuni giorni, tra Milano, Torino e Napoli. All’aperto e al chiuso, nella metropolitana, sul treno, in auto. A meno di non essere mancini, non è facile coprire con la mano il punto debole dello smartphone Apple, che è l’angolo in basso a sinistra. Ma anche così, e anche se l’indicatore di campo segna qualche tacca in meno, normalmente la linea non cade e la connessione internet continua a funzionare. Il fenomeno, insomma, esiste, ma in aree dove la copertura della rete cellulare è buona non impedisce di usare al meglio l’iPhone 4. Che, anzi, è più sensibile del modello precedente e permette di fare e ricevere telefonate anche in garage e ascensori, dove il 3GS rimaneva muto. In questi casi, tuttavia, le voci possono risultare metalliche; qualche volta è anche successo che la comunicazione si interrompesse. L’«Antennagate», alla fine sembrerebbe inspiegabile, non fosse per la scarsa qualità del segnale di AT&T, che negli Usa è il solo operatore autorizzato a distribuire lo smartphone Apple. E infatti non si registrano le stesse lamentele in Germania, Francia, Regno unito e Giappone, dove l’iPhone 4 è in vendita da oltre un mese e la rete cellulare è più capillare e più efficiente di quella americana.

Il resto
L’iPhone 4 adopera lo stesso processore dell’iPad, la fortunata tavoletta-computer di Apple: è molto veloce nell’uso e parco nei consumi, tanto che la batteria arriva a una giornata intera, tra telefonate, navigazione su internet, notifiche push, wi-fi (pure questo migliorato), foto e video. La qualità delle immagini è cresciuta, grazie alla fotocamera che passa da 3 a 5 Megapixel; finalmente è stato aggiunto un flash per le riprese al buio. A breve arriverà anche la versione per iPhone di iMovie, il software Apple per montaggi di video e immagini in HD, da condividere poi via internet o da vedere in tv tramite un cavetto: negli Usa qualcuno ci ha già fatto un film. Il punto forte dell’apparecchio è però il display, che dei modelli precedenti riprende le dimensioni (3,5 pollici), quadruplicandone la risoluzione: i testi, anche microscopici, si leggono ora senza fatica, le immagini hanno un dettaglio e una profondità mai viste, i video sono chiarissimi (specie i cartoons). Ci guadagnano pure i libri, e infatti sul nuovo iPhone c’è l’applicazione per eBook dell’iPad: si può iniziare a leggere un testo su un apparecchio, mettere un segnalibro, e sull’altro sarà sincronizzato automaticamente.

L’evoluzione
A tre anni e sessanta milioni di esemplari dal debutto, la versione attuale ha coperto quasi tutte le lacune rimproverate al primo iPhone: al’inizio sono arrivati gli Mms, poi il video, la fotocamera è stata rivista, le connessioni a reti telefoniche e wifi rese più veloci, la memoria maggiorata e sono state aggiunte numerose altre funzioni. Il nuovo sistema operativo (installabile anche sul 3GS) offre finalmente il multitasking: ora, ad esempio, si può continuare ad usare Skype per parlare e allo stesso tempo navigare sul web con Safari. Ma solo con l’iPhone 4, che ha una fotocamera frontale, è possibile utilizzare FaceTime e parlare guardandosi negli occhi (l’interlocutore deve avere lo stesso apparecchio ed essere connesso tramite rete wifi). La qualità è ottima, ma la videochiamata esiste da anni e chissà se davvero Jobs riuscirà a renderla popolare. Intanto è riuscito a fare dell’iPhone 4 l’ennesimo feticcio tecnologico di Apple: non è compatibile con i siti web in Flash, monta batterie non sostituibili e funziona solo con le applicazioni approvate a Cupertino, però è bellissimo.

Istruzioni per l’uso
L’iPhone 4 è uno dei pochissimi telefonini con scheda micro Sim. Se si vuole conservare il numero bisogna farsi cambiare la vecchia Sim o provare a tagliarla artigianalmente, col rischio di renderla inutilizzabile.
Al momento l’iPhone 4 si può acquistare esclusivamente nella versione nera; per quella bianca si dovrà aspettare ancora, nonostante la promessa di Jobs, che due settimane fa aveva confermato la disponibilità per fine mese. Pare che problemi di lavorazione ne rallentino la produzione e che gli esemplari finora realizzati non soddisfino ancora lo standard qualitativo di Apple.
Orientarsi nella giungla delle offerte è difficilissimo. Con contratto, l’iPhone 4 ha prezzi variabili da zero euro (Tre Italia) fino a oltre 1500, a seconda dei servizi inclusi, del numero di rate mensili e della durata dell’abbonamento. La versione sbloccata da 16 GB è in vendita da Tim, Vodafone, negli Apple store e online a 659 euro, quella da 32 GB a 779, ma Tre Italia le propone rispettivamente a 599 e 699 euro.
Come in Usa, anche da noi chi non fosse soddisfatto può restituire l’iPhone 4 entro 30 giorni e ottenere un rimborso totale. Interpellati direttamente sulla questione, in via informale Tim, Vodafone e Tre Italia confermano la clausola soddisfatti o rimborsati di Apple, tuttavia le modalità potrebbero variare a seconda dell’operatore.
I “bumper” di Apple sono gratis anche da noi fino alla fine di settembre. Non saranno distribuiti insieme all’iPhone: sembra incredibile, ma esiste un’app con cui prenotarli per averli direttamente a casa.

Categorie:iPhone, Tech Tag: , , ,

iPhone 4, Apple reinventa il supertelefonino

Non si ferma mai, la fabbrica dove si producono desideri. A due mesi dal lancio dell’iPad, che ha venduto due milioni di esemplari al ritmo di uno ogni tre secondi, Apple presenta ora il nuovo iPhone. Il palcoscenico è quello del Moscone Center di San Francisco, dove alle dieci del mattino arriva Steve Jobs, come sempre vestito di jeans e girocollo nero, accolto da una standing ovation e da qualcuno che gli urla “I love you”. Lui ringrazia, un po’ imbarazzato, e apre il Keynote; ancora molto magro, sembra tuttavia piuttosto in forma e parla per quasi due ore.

L’annuncio più atteso arriva dopo mezz’ora di dati e anticipazioni, com’è ovvio in una manifestazione dedicata agli operatori del settore e ai programmatori che creano software per l’App Store. Ma tutti sapevano che Jobs avrebbe presentato l’iPhone 4 alla Worldwide Developers Conference, e così, mostrando il nuovo apparecchio, il presidente di Apple aggiunge: “Probabilmente molti di voi lo avranno già visto”. Si riferisce allo scoop del sito web Gizmodo, che due mesi fa ha pubblicato in anteprima le immagini dell’iPhone. Era davvero quello, ma Jobs non fa altre allusioni, e prosegue illustrando le meraviglie del nuovo supertelefonino con cui Apple punta a consolidare la sua presenza nel mercato degli smartphone e combattere l’avanzata dell’unico vero concorrente, Google. I dati pubblicati proprio ieri da Nielsen mostrano come negli Usa il sistema operativo mobile più diffuso sia Rim (quello dei Blackberry), con il 35 percento, mentre Apple è seconda con il 28; seguono Windows Mobile, quindi Android, con il 9 per cento. Ossia, come sottolinea Steve Jobs “un terzo della nostra”, però guadagnata in poco più di due anni.

Anche l’iPhone esiste da poco (presentato nel gennaio 2007, debutto a giugno ma inizialmente solo negli Usa) e ha cambiato per sempre il mercato della telefonia, inventando un mercato, quello della applicazioni, che ha raggiunto numeri da capogiro. Sono 225 mila quelle disponibili su App Store, scaricate quattro miliardi di volte, per un totale di oltre un miliardo di dollari incassati dagli sviluppatori. E la prossima sfida è la pubblicità sui dispositivi mobili: oltre 250 milioni di dollari il giro d’affari previsto solo negli Usa per il 2010, che Cupertino non intende lasciare nelle mani di Google. Per questo col nuovo sistema operativo dell’iPhone sarà possibile inserire banner e filmati interattivi nella applicazioni. E’ la strategia di iAd, lanciato appena otto settimane fa e che ha già portato ad Apple il 48 per cento del mercato pubblicitario mobile, forte anche una piattaforma che arriverà entro questo mese a cento milioni di esemplari, fra iPhone, iPod touch e iPad.

Il nuovo modello arriverà nei negozi il 24 giugno, in Italia e altri Paesi sarà però necessario aspettare fino a luglio. Sottilissimo, ancora più elegante con la superficie anteriore e posteriore in vetro bianco o nero, l’iPhone di quarta generazione ha un display molto più nitido di quelli attualmente disponibili su apparecchi simili, un processore sviluppato da Apple (è lo stesso dell’iPad), un giroscopio, oltre ad una serie di caratteristiche attese da molto tempo, come il flash e la fotocamera frontale per le videochiamate, che al momento però sono disponibili solo tramite la connessione wifi. Le conversazioni video su telefonino finora non hanno avuto molta fortuna, ma secondo Jobs, ovviamente, tutto cambierà con FaceTime (questo il nome della videochat reinventata da Apple). Poi c’è il multitasking, che permetterà di utilizzare più programmi contemporaneamente; dal 21 giugno sarà disponibile con un aggiornamento gratuito del software anche sui modelli 3GS, che rimarranno in vendita a prezzo ridotto, e anzi con una nuova versione da 8GB. Migliorata la mail, la ricerca offrirà poi una nuova opzione: Bing, il motore di Microsoft, per cui Jobs ha parole di elogio (“Hanno fatto un ottimo lavoro). E con il nuovo sistema operativo iOS4 arriverà anche iBooks, che trasformerà lo smartphone Apple in un piccolo lettore di libri digitali: i titoli saranno sincronizzabili in wireless con quelli scaricati su iPad, così se si inserisce un segnalibro su un apparecchio sarà trasferito anche sull’altro, per riprendere la lettura dall’ultima interruzione.

Nonostante qualche intoppo nella dimostrazione, dovuto all’enorme numero dei partecipanti che ha saturato le connessioni internet, c’è da scommettere che l’iPhone 4 sarà un successo. Come un successo sarà l’applicazione per registrare e montare i video in alta definizione direttamente sull’apparecchio grazie alla fotocamera da 5 megapixel. Ma fino a quando Steve Jobs sarà capace trasformare tecnologie già viste in nuovi, scintillanti oggetti del desiderio?

Categorie:iPhone, Tech Tag: